Anno Internazionale della Frutta e della Verdura

con 1 commento

Frutta e verdura per la salute e per uscire dalla crisi percorrendo la strada della sostenibilità alimentare

Il 2021 è stato nominato come l’Anno Internazionale della frutta e della verdura. Ad annunciarlo sono le Nazioni Unite con il solo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza ed il ruolo che rivestono la frutta e la verdura nell’alimentazione umana. Frutta e ortaggi sono anche la base della Dieta Mediterranea.
Con questa iniziativa si vuole evidenziare con forza l’impegno per il conseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030. La FAO ( Food and Agriculture Organization of the Unite Nations) è l’agenzia capofila nelle celebrazioni, in collaborazione con altre organizzazioni e organismi del sistema delle Nazioni Unite.

Verde, gialla, arancione, rossa o viola: frutta e verdura ci mantengono in salute e aggiungono varietà, gusto e consistenza alle nostre diete. Anche se mangi riso o pane ogni giorno, sicuramente variare tipi di frutta e verdura diventa importante per la tua alimentazione. Una dieta monotona non è solo malsana per l’uomo: è anche malsana per il pianeta perché può portare a monocolture e perdita di biodiversità.

Ma cosa sono la frutta e la verdura?

Non esiste una definizione ampiamente accettata per frutta o verdura.
La definizione concordata per l’Anno internazionale della frutta e della verdura è la seguente.
La frutta e la verdura sono considerate parti commestibili delle piante (ad esempio strutture portatrici di semi, fiori, boccioli, foglie, steli, germogli e radici), coltivate o raccolte allo stato selvatico, allo stato grezzo o in una forma minimamente lavorata.

Obiettivi di sviluppo sostenibile relativi a frutta e verdura

  • Benefici per la salute di frutta e verdura
    Sfruttare la bontà della frutta e della verdura hanno molteplici benefici per la salute. Rafforzano il sistema immunitario, combattono la malnutrizione e aiutano a prevenire le malattie non trasmissibili.
  • Dieta diversificata e uno stile di vita sano
    Seguitela, una dieta diversificata Occorre consumare quotidianamente quantità adeguate di frutta e verdura nell’ambito di una dieta diversificata e sana.
  • Perdita e spreco di cibo
    Rispetta il cibo dalla fattoria alla tavola: la frutta e la verdura valgono più del loro prezzo. Mantenere la loro qualità e garantire la loro sicurezza lungo tutta la catena di fornitura, dalla produzione al consumo, riduce le perdite e gli sprechi e aumenta la loro disponibilità per il consumo.
    Innovare, coltivare, ridurre le perdite e gli sprechi alimentari L’innovazione, il miglioramento delle tecnologie e delle infrastrutture sono fondamentali per aumentare l’efficienza e la produttività all’interno delle filiere ortofrutticole per ridurre perdite e sprechi.
  • Catene del valore sostenibili
    Promuovere la sostenibilità
  • Dalle catene dei valori sostenibili e inclusivi si possono aiutare ad aumentare la produzione e contribuire a migliorare la disponibilità, la sicurezza, l’accessibilità economica e l’accesso equo a frutta e verdura per promuovere la sostenibilità economica, sociale e ambientale.
  • Evidenziare il ruolo degli agricoltori familiari
    Crescente prosperità
    La coltivazione di frutta e verdura contribuisce a una migliore qualità della vita degli agricoltori familiari e delle loro comunità. Genera reddito, crea mezzi di sussistenza, migliora la sicurezza alimentare e la nutrizione e accresce la resilienza attraverso risorse locali gestite in modo sostenibile e una maggiore agrobiodiversità.
Anno Internazionale della Frutta e della Verdura

Recentemente siamo stati contattati dall’Azienda Agricola Busato Lorenzo di Scorzè. Noi della Confraternita del risotto alla Saonarese, lo vogliamo ringraziare con questo post per averci omaggiato di una decina di Kg di radicchio rosso di treviso con preghiera appunto di valorizzare la sua produzione con un ottimo risotto.

Il #radicchio di Treviso, quello tardivo, è l’ortaggio tipico a gambo lungo e foglia stretta. Per la sua produzione è importante una sapiente coltivazione per renderlo croccante e dal sapore delicato.
Al nostro Gran Maestro è stato affidato l’alto incarico.

One Response

  1. Valerio
    | Rispondi

    I valori nutritivi dei vegetali sono massimi se raccolti in campo e iniziano a deteriorarsi subito dopo la raccolta: prima li mangiamo meglio è.

Lascia una risposta